La lunga via verso Datong.

Oggi visiterò le grotte di Yungang, una delle attrazioni più famose della Cina. Il sito si trova non lontano da una città chiamata Datong. Route of train K608Ogni volta che si tocca l’argomento costruzioni scavate nelle rocce, come ad esempio i templi di Petra in Giordania o di Fethiye in Turchia o grandi statue come quelle che vedrò oggi, è difficile per me non pensare ai film di Indiana Jones, così iconico è stato l’episodio della saga “L’ultima crociata” (parzialmente girato a Petra). Vabbe’, però questa sottospecie di Indiana Jones che gestisce questo blog aveva scritto il suo ultimo post da Tianjin e adesso si trova a Datong quindi, penso sia tenuto a darvi delle spiegazioni. Ieri è stato il primo giorno del mio viaggio fino a qui in cui non ho scattato neanche una foto. Il viaggio da Tianjin a Datong è stato incredibilmente lungo, specialmente se confrontato con il precedente. Nessun treno veloce questa volta e quelli ordinari sono in realtà piuttosto lenti. Le differenze tra due treni però non si limitano alla velocità. Datong Train StationIl treno è costantemente attraversato da persone che vendono cibo, come frutta fresca e altre cose tipiche cinesi, ma ci sono anche strani personaggi che vendono oggetti bizzarri che presentano istrionicamente stando in piedi al centro del vagone. L’oggetto più divertente è un pesce luminoso automatico che “nuota” per terra (come farne a meno…). L’oggetto più venduto invece sembra essere un rasoio con torcia incorporata e mi chiedo in che situazione potrebbe essere utile. Non ci sono altoparlanti nel treno quindi, ogni volta che ci avviciniamo a una stazione, uno dei controllori corre lungo tutto il treno urlando il nome della prossima città. Ho lasciato Tianjin ieri mattina alle 8:25 e ho dovuto aspettare fino alle 17.30 per ascoltare finalmente il nome di Datong. Nove ore per meno di 500 km. Potete vedere il percorso completo del treno nella piccola figura nella pagina. Il mio hotel è vicino alla stazione ma comunque la pioggia pesante che ho trovato in città mi ha impedito di andare molto oltre. Sono giusto uscito per andare a mangiare qualcosa in una catena di fast food locale chiamata Mr.Lee, il cui logo assomiglia a quello di KFC.

Come raggiungere le grotte di Yungang.

Stamattina ho lasciato il mio albergo abbastanza presto per raggiungere le grotte. Spero che avrò anche un po’ di tempo per visitare la città in seguito. Non ho idea di cosa ci sia da vedere qui. Ieri ho avuto la possibilità di chiedere all’ufficio turistico regionale della piazza della stazione come raggiungere le grotte. Ho saputo che ci sono molti autobus che vanno lì. Modern old walls of DatongIl migliore è l’autobus diretto numero 603 che parte dalla piazza della stazione ferroviaria. È abbastanza frequente, quindi non devo aspettare così a lungo. Lungo la strada, dal finestrino del bus, vedo torri e mura merlate. La cosa strana è che tutto sembra essere nuovo o addirittura in costruzione. Non si tratta di restauri. Stanno davvero costruendo una nuova città murata nel 2017? Sarebbe pazzesco. Devo controllare più tardi … Il bus impiega circa 40 minuti per raggiungere il sito delle grotte. Avrei potuto prendere anche un taxi per circa 50 yuan (6 euro) ma un autobus per 3 yuan mi sembra molto meglio. Sull’autobus incontro un paio di turisti francesi e far quattro chiacchiere con loro fa scorrere il tempo più velocemente. L’ingresso al sito è vicino alla fermata dell’autobus. Il biglietto è relativamente costoso per gli standard cinesi: 125 yuan, ma presto mi rendo conto che ne vale davvero la pena.

Il tempio di Lingyan e una grande papera gialla.

L’ingresso è particolarmente scenografico e direi che ha senso poiché conduce direttamente al Tempio Lingyan. Non sapevo ci fosse anche questo e mi godo quindi questa extra feature del sito. Monk during a religious ceremonyEntrance to Yungang caves sitePrima un lungo viale contornato da pilastri con basi a forma di elefante, poi un piccolo ponte sopra un fossato e in fine si arriva. Il tempio è piuttosto interessante. È stato costruito nel XII secolo durante la dinastia Liao e Jin. Quando arrivo c’è una cerimonia religiosa in corso. La cosa più curiosa per me è il monaco che balla mentre suona una specie di maracas cinese. Quando esco dal tempio, noto una grande anatra gialla nel fossato. Ho sentito parlare di simili installazioni fatte da diversi artisti contemporanei in altre parti del mondo, ma è piuttosto sorprendente trovarne una qui in Cina dove nel 2014 il termine di ricerca “Big Yellow Duck” è stato bandito dall’Internet cinese a causa di un fotomontaggio, quello che potete vedere nella piccola immagine in questa pagina, raffigurante la famosa foto iconica di Tienanmen dell’uomo che sfida i carri armati qui sostituiti da paperelle gialle. Tienanmen ducks (unknown author)Yellow rubber duck in YungangFaccio qualche foto dell’anatra di gomma gialla e del suo più piccolo amico fatto solo di gambe e finalmente inizio il tour del sito. Sulla base della mappa, dovrei riuscire a vederne la maggior parte con una passeggiata attorno ad un percorso rettangolare che attraversa il sito. La sua lunghezza è di circa 4 km. ecco perché per chi vuole ci sono piccoli bus elettrici che trasportano i visitatori per qualche yuan. Sono qui per le caverne e le trovo dopo circa 1 chilometro. La mappa del sito è visualizzata qui sotto (clicca per vederla più grande). Yungang Caves Map

Le grotte.

Ed è finalmente il momento di visitare le grotte. Devo dire che questo è davvero un sito fantastico, uno di quei posti che resta per lungo tempo nella memoria dei visitatori. Oldest caves of the siteCi sono circa 50.000 statue di Buddha di ogni dimensione, da pochi centimetri a diversi metri. Questo luogo è stato incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 2001. Temple and soft drinksTutte le statue sono state scolpite nella montagna di Wuzhou Shan a partire dall’inizio del V secolo, mentre le più recenti risalgono alla fine del VI secolo. Le grotte sono tutte numerate. Un primo assaggio delle grotte è su un muro della montagna dove si trovano alcune piccole cavità ad un’altezza di circa 30 metri. Statues consumed by the timeLe statue di buddha in queste grotte sono consumate dal tempo. Immagino che siano le più vecchie del sito. In questa zona, pochi altri scalini portano ad un piccolo tempio. The pagoda cavesNon è molto interessante, ma quello che mi sorprende è un tizio seduto appena fuori dal tempio che vende bevande analcoliche sotto un ombrello a marchio Pepsi Cola. Scendo di nuovo e entro nella zona dei templi a forma di pagoda. Questi sono davvero fantastici perché oltre alle statue ci sono anche incredibili pitture murarie. Non sono così sicuro che fotografare qui sia permesso ma prendo alcuni scatti e dopo, per pulire la mia coscienza, do una donazione in ogni tempio. Niche with coloured statuesNon so come raccontarvi degli interni di queste grotte. Biggest buddha of the sitePiccoli Buddha sono scolpiti in piccole nicchie multicolori. Come dico sempre in questi casi, è difficile descrivere le cose con le parole o forse non sono in grado di farlo. Spero che le mie foto andranno meglio. Ma le meraviglie non sono ancora finite. C’è un terzo gruppo di statue e probabilmente sarà il primo che vedrete cercando su google “grotte di Yungang”. Sto parlando delle più grandi statue del sito che sono in questo caso visibili dall’esterno. Sono assolutamente di grande effetto. Il più grande è alto 17 metri. Secondo le guide che ho letto, gli artisti locali sono stati influenzati dallo stile indiano, come testimoniano le pupille nere dei Buddha che rendono i loro sguardi più reali.

Una pausa, il museo e qualche altra pausa.

È una giornata molto calda e decido di fare una piccola pausa mangiando un gelato cinese. Devo confessare di essere sospettoso all’inizio, ma alla fine sono contento perché il gelato era molto buono. Museum in YungangLe grotte si trovano tutte su uno dei lati lunghi del percorso rettangolare del parco. Ora invece, su uno dei lati corti, ho la possibilità di visitare il museo. È piuttosto interessante perché mescola un ambiente contemporaneo con luci moderne a molti oggetti antichi, alcuni dei quali presi in prestito dal Metropolitan Museum di New York. Cafe at the museumLa visita non dura così tanto, ma rimango nel museo un po’ più a lungo perché c’è un caffè elegante con WiFi dove posso sedermi, sorseggiare un tè e gustare un delizioso pasticcino locale. Screen wallLa via di ritorno verso l’uscita non è così interessante come la parte opposta. I vialetti nel parco sono piacevoli ma in fondo niente di speciale. C’è un altro padiglione in stile cinese simile a un tempio che non può essere visitato ma probabilmente l’oggetto più notevole è l’enorme muro dipinto costruito nel 2010. Potete vederlo nella foto. Subito dopo vedo un gruppo di oche e probabilmente a causa del sole che picchia ho un momento di follia e comincio a correre dietro di loro con la mia macchina fotografica. Le prove del mio insano atto sono nel seguente video.


Proprio accanto all’uscita c’è una specie di mercato alimentare. Non ho voglia di sedermi in un ristorante, quindi prendo solo un po’ di frutta che mangio mentre guardo i turisti giocare con i cammelli appena fuori dal sito. Camel for touristsQuesti animali sono qui solo per il divertimento dei turisti o fanno davvero parte dell’ambiente locale? Be’, la Mongolia Interna non è lontana da Datong e con essa anche il deserto del Gobi, quindi i cammelli forse erano o addirittura fanno ancora parte della vita quotidiana in questa regione. I turisti sembrano goderseli senza farsi troppe domande. È stata una mattinata piena, ma ho ancora tempo per visitare Datong. Sarà una lunga giornata, forse troppo lunga per un singolo post, quindi vi parlerò del pomeriggio e del centro di Datong nella seconda parte di questo articolo. Per ora vi lascio con la seguente galleria di immagini di Datong.